Home / Società / Famiglia / Se urlare significa imporsi

Se urlare significa imporsi

L’ascolto, ce ne siamo occupati la scorsa 10092008_16_44_48.jpg settimana, è forse uno degli esercizi più difficili da mettere in pratica, se passivo equivale in qualche modo alla sordità. A noi interessa però quello attivo, che se praticato frequentemente rappresenta il primo elemento di socializzazione, di autocritica e talvolta rispetto anche del pensiero degli altri, anche, a prima vista, i più difficili da sopportare. La famiglia dovrebbe essere il primo laboratorio sperimentale in cui insegnare ai figli la conversazione, il dibattito, facendo attenzione ai toni e rispettando la figura di un moderatore, che spetta o al padre o alla madre. La lettera di una coppia di genitori che lamenta l’aggressività in famiglia del loro figlio, ogni qual volta si discute su qualcosa, mi ha fatto molto riflettere. La coppia ha serie difficoltà a comunicare semplicemente il proprio punto di vista al figlio; questi si infiamma, alza la voce, urla e talvolta diventa anche violento, battendo i pugni. Forse sarebbe interessante sapere come si articola il dialogo in famiglia, come vengono chieste le cose; perché se vince chi urla di più può succedere che il giovane, magari molto diverso in altri contesti, in famiglia adotta questo metodo per abitudine. Forse questi genitori si perdono la parte migliore del figlio che sa essere moderato con gli amici e magari ascolta di più. Oppure dovrebbero fare una serie riflessione se e come hanno addestrato il loro figlio, nel corso della crescita, a parlare al momento giusto, a rispettare i tempi degli altri e predisporsi all’ascolto. Imporre, in sostanza, una sorta di autodisciplina e di controllo dei decibel. Prendiamo un esempio classico: la televisione; assistiamo a dibattiti violenti nei toni, con una voglia sempre crescente di sopraffazione e di faziosità. Ognuno si muove su un binario autonomo sotto gli occhi di moderatori a volte compiaciuti per gli effetti dell’audience a volte complici dell’intera impalcatura. Così anche in politica. Nella ”scuola” televisiva che sembra essere, purtroppo, più efficace di quella tradizione, andrebbero banditi gli urlatori, gli aizzatori, gli indignati senza anima, a coloro che vogliono a tutti i costi imporre frasi ad effetto, per ottenere il consenso dell’applausometro. E allora, perché non educarci tutti alla riflessione, alle pause, ai silenzi; per capire, correggersi e magari chiedere con umiltà scusa. Ma qui mi rivolgo agli adulti, che spesso vogliono avere l’ultima parola anche quando hanno la consapevolezza di sbagliare. Il silenzio e la riflessione talvolta possono rappresentare l’anticamera per il cambiamento e forse una apertura mentale diversa nel rapporto genitori ? figli

Di Ivan Scinardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *