Connect with us

Eventi

Lampedusa amore, Premio giornalistico

Ivan Scinardo

Published

on

“A noi, Cristiana, piace ricordarla così. Con il teatro, lo sport, la musica, il giornalismo, la riflessione e l’impegno sociale”. Queste parole di Filippo Mulè, presidente dell’associazione onlus “Occhiblu”, sono una chiara indicazione di come sarà la terza edizione di “Lampedus’amore-Premio giornalistico internazionale Cristiana Matano”, che si terrà a Lampedusa dall’8 al 10 luglio, presentata stamattina al Teatro Massimo, alla presenza, accanto a Filippo e moderati da Elvira Terranova, del sindaco di Palermo Leoluca Orlando, del sindaco di Lampedusa Totò Martello, del soprintendente del Teatro Francesco Giambrone, dello scrittore Roberto Alajmo, del responsabile dei rapporti con il territorio di Unicredit Roberto Cassata, di Sergio Vespertino e Fabrizio Cammarata, oltre a tanti amici e colleghi di Cristiana.

“Lampedus’amore, giunta alla terza edizione, quest’anno compie un piccolo passo in avanti, portando la durata dell’evento da due a tre giorni”, commenta Filippo Mulè, marito di Cristiana. “Ci riproviamo per la terza volta, con le stesse emozioni, lo stesso entusiasmo, e le difficoltà – organizzative ed economiche – che comporta, per una piccola onlus come la nostra, un evento così complesso realizzato al centro del Mediterraneo. Riflettendo sui temi dell’accoglienza e della cultura attraverso il teatro, la musica, il giornalismo, lo sport e lo spettacolo, siamo comunque pronti a raccontare il nuovo capitolo di un mondo straordinario e alcune volte nascosto, dove uomini e donne si impegnano al di là di ogni lingua o confine. A raccontare un approdo sicuro da cui ripartire e la bellezza di quella Lampedusa che tanto piaceva a Cristiana”.

Il sindaco Orlando: “Cristiana è stata una giornalista sensibile, intelligente, colta e attenta e, ricordandola, ci chiediamo che significato abbia il suo amore per Lampedusa, che significato abbia la cultura dell’accoglienza oggi, in tempi difficili, in cui rischiano di prevalere logiche di intolleranza  destinate non soltanto a continuare il genocidio nel Mediterraneo ma a fare implodere e morire la stessa Unione europea”.

Il sindaco Martello: “Cristiana è stata un’amica, la sera quando tutti andavano a letto si continuava a discutere su Lampedusa e in queste occasioni veniva fuori il suo profondo attaccamento e il suo affetto nei confronti dell’isola”.

Il soprintendente Giambrone: “Mi fa molto piacere ospitare la presentazione di “Lampedus’amore”. La forza di un teatro è anche quella di essere riconosciuto come un luogo della comunità, in questo caso nel ricordo di Cristiana, persona a me particolarmente cara”.

Cassata di Unicredit: “Siamo una banca molto sensibile ai temi della solidarietà, infatti con una serie di iniziative sosteniamo in maniera diretta, con l’aiuto dei nostri clienti, tante onlus che operano nel sociale, sull’inclusione, il disagio e le disabilità”.

Roberto Alajmo: “Se riusciamo a raccontare Lampedusa, raccontiamo il mondo intero. Credo che il senso di “Lampedus’Amore” sia quello di capire come è possibile raccontare una realtà così complessa, metafora dell’universo, con le armi ormai spuntate del giornalismo, della letteratura. Quale alternativa abbiamo? è la domanda sulla quale ci interrogheremo”.

Uno sguardo al programma. La sera dell’8 luglio si comincia in Piazza Castello la cerimonia d’apertura, presentata da Marina Turco, cui seguirà lo spettacolo teatrale “Lampedusa Way” di Lina Prosa, terza parte della “Trilogia del naufragio”, di cui sono protagonisti Mahama e Saif: i due migranti raggiungono l’isola siciliana alla ricerca dei profughi Shauba e Mohamed, lei tragicamente morta in mare in “Beach” e lui tra le nevi alpine in “Snow”. Interpreti Maddalena Crippa e Graziano Piazza.

Il 9 luglio lo stadio “The bridge” ospiterà l’incontro di calcio “Un pallone per amico” con la partecipazione dei giovani lampedusani, dei migranti ospiti sull’isola, di attori, giornalisti, musicisti e politici: in campo anche alcune giocatrici di Serie A e della Nazionale di calcio femminile, appena qualificata per i Mondiali del 2019, accompagnate da Carolina Morace, simbolo del pallone italiano in rosa. Salvo La Rosa presenterà “Pensieri e canzoni”, la serata musicale, sempre in piazza Castello, con Davide Shorty, Fabrizio Cammarata, Dimartino, Antoine Michel & Vittorio Sbordone

L’ultimo giorno tutti all’Area marina protetta per il convegno, moderato da Elvira Terranova, “Lampedusa, giornalismo e cultura in un’isola aperta al mondo”: gli interventi saranno di Nello Musumeci, presidente della Regione siciliana, Totò Martello, sindaco di Lampedusa, Leoluca Orlando, sindaco di Palermo, e degli scrittori Roberto Alajmo e Davide Enia, del giornalista Alberto Matano, del presidente nazionale dell’Ordine dei giornalisti, Carlo Verna, del presidente dell’Ordine dei giornalisti di Sicilia, Giulio Francese, del segretario della Fnsi Raffaele Lo Russo, della regista Lina Prosa, e del delegato nazionale del Dipartimento Calcio femminile, Sandro Morgana. “Con loro parleremo di Lampedusa – spiega la Terranova – di giornalismo, di cultura in un’isola che è aperta al mondo”

La sera è prevista la consegna dei Premi giornalistici “Cristiana Matano” ai tre vincitori, rispettivamente per le sezioni stampa estera, stampa italiana e giornalista emergente sul tema “L’abbraccio di Lampedusa, porta d’Europa e cuore del Mediterraneo”.

Riconoscimenti speciali andranno agli atleti Manila Flamini e Giorgio Minisini, campioni del mondo di nuoto sincronizzato con l’esercizio “L’urlo di Lampedusa”, e alla Croce Rossa Italiana. Inoltre un premio sarà assegnato alle eccellenze lampedusane e agli studenti delle isole Pelagie che hanno partecipato al progetto sull’informazione. Arricchiranno la serata, presentata da Isabella Di Chio e Alberto Matano, gli interventi dell’attore Sergio Vespertino e del cantautore Mirkoeilcane.

Cristiana Matano

Cinema

“Ciao Palermo”, 5 minuti di amore puro

Ivan Scinardo

Published

on

Impazza lo short film della Redbull, di 5 minuti, realizzato da giovani cineasti palermitani

“Te ne sei andata in giro in questi giorni, eh! Sei arrivata ovunque. Ti sei messa un bel vestito e sei andata a fare pubbliche relazioni in giro per il mondo. Che ne dici di fare due chiacchiere da soli, adesso? A distanza di qualche giorno da questo clamore che ti ha travolta e ci ha travolti, abbiamo deciso di raccontarti il nostro punto di vista, rispondere a un paio di domande, chiarire alcuni dei retroscena e confessare l’amore che sta dietro a questo progetto e al nostro lavoro”, inizia così la lettera che due giovani imprenditori palermitani, da sempre con la passione per il video e la regia, hanno voluto scrivere alla città di Palermo e ai suoi cittadini.

Il loro lavoro filmico è andato in onda in occasione del Gran premio di Monza, e qualche giorno aveva raggiunto oltre un milione di visualizzazioni sulla piattaforma Youtube, restituendo una immagine della città da fare invidia anche a Miami. 15 mesi di incontri e trattative per convincere la committenza ad affidare alla società palermitana, Just Maria, nata nel 2017, al terzo piano, senza ascensore, specificano Albanese e Lo Forti, di Corso Vittorio Emanuele, la realizzazione di questo progetto, visionario e folle ma straordinariamente innovativo.

“Nel 2020, ci raccontano Alessandro e Carlo, abbiamo proposto l’idea alla Redbull di realizzare una filming run con la monoposto di F1, guidata dal pilota olandese della Redbull, Max Verstappen. Il film sembrava già scritto in uno scenario naturale, e così mese dopo mese la sceneggiatura ha cominciato a prendere corpo; il video si apre con un sottofondo di mandolini nel chiassoso mercato di Ballarò; una ripresa dal basso segue il pilota con il casco in mano e in tuta da gara, perdersi nella kasba del mercato per uscire all’improvviso fra le bancarelle di frutta e verdura dentro la monoposto e schizzare, a una velocità che, grazie al drone, fa sembrare l’incrocio delle frecce tricolori. Immagini aeree che dalla strada del Cassaro si alzano a volteggiare su porta Felice.

L’originalità del video è anche nel voice off; il meccanico dai box dà le indicazioni al pilota e gli descrive scenari stupendi, soprattutto quando, attraversando il viale alberato della favorita che collega Mondello, lo definisce “foresta”. Una delle scene più difficili che Alessandro Albanese e Carlo Loforti hanno girato è stata al  Foro italico, dove, dovendo chiudere l’unica strada che costeggia il porto,  hanno sentito il pressing dei cittadini; eppure quelle stesse persone che prima “maledivano” questa iniziativa, perché rimasti per ore bloccati nel traffico, poi hanno rimbalzato e commentato con entusiasmo, sui loro profili, il video.

“Lavorare con una macchina di F1 è stato difficile e complicato, ci dicono; nessuno di noi ne aveva mai vista una; ci vogliono circa 85 minuti per metterla in moto, non ha una retromarcia, il suo rumore è letteralmente assordante, non può andare a un’andatura troppo lenta e se fa caldo c’è il rischio che si spenga.   Oltre 300 persone impegnate e una troupe di 60 maestranze organizzate con rigore militare, dal direttore di produzione Andrea Santoro, e dall’aiuto regia

A raccontarlo è proprio uno dei registi, Carlo Lo Forti: “sono state giornate complicatissime, con una preparazione che andava avanti già da mesi. Quattro giorni di fuoco, tra il 19 e il 22 giugno, 10 ore di lavoro al giorno.

Bisognerebbe far vedere questo short film a chi non è mai stato a Palermo pe innamorarsi della città. Il titolo “Ciao Palermo”, concludono i registi, non è un arrivederci, ha per noi una funzione meramente narrativa, di fiction;  noi di Just Maria non abbiamo nessuna intenzione di andare via da Palermo, faremo del nostro meglio per meritarla”.

Questo si che è un atto d’amore e questa non può essere soltanto un’operazione pubblicitaria, ci piace apprezzarla da un punto di vista culturale e di forte richiamo turistico. Costo reale per il comune: zero

https://youtu.be/T8Yxjf5hv-E

Continue Reading

Eventi

“Palermo è anche questa, una città che vive il suo parco

Ivan Scinardo

Published

on

“Palermo è anche questa. Una città che vive il suo parco, una città che vive meglio”

Migliaia le persone che questa domenica hanno scelto ancora una volta di vivere il Parco Reale della Favorita, oggi chiuso al traffico per l’occasione dalle 8,30 alle 14,30.

Al Campo Ostacoli Wellness Experience ha raccolto moltissimi sportivi che hanno partecipato energicamente a tutte le attività proposte.

Costante la fila dei bambini a piazzale dei matrimoni per partecipare a Pompieropoli, la dimostrazione proposta dai Vigili del Fuoco in cui potevano essere protagonisti.

Anche l’attività didattica di riabilitazione equestre, dedicata ai bambini autistici, ha riscosso un grande successo grazie all’accoglienza e all’attenzione del Reggimento Lancieri Aosta (6°), che l’ha proposta, a favore dell’associazione ParlAutismo.

Nell’area antistante il Museo Pitrè, i Picciotti della Lapa e Scialata Folk del Teatro Ditirammu con canti, danze e aneddoti appartenenti alla tradizione popolare hanno raccolto e coinvolto una folla festante.

Per l’Area Salute l’Asp di Palermo, presente a Villa Niscemi, ha eseguito 115 gli esami di screening oncologici, effettuato 46 mammografie a bordo del Camper mammografico, 32  HPV Test e 5 Pap Test per lo screening del tumore al collo dell’utero, nell’ambulatorio mobile ginecologico e ha distribuito 32 sof test per la ricerca del sangue occulto nelle feci, per lo screening del tumore al colon retto.

L’ufficio mobile dell’Asp ha rilasciato inoltre numerosi Green Pass a cittadini immunizzati che avevano riscontrato difficoltà nello scaricare la “carta verde”.

Nel camper dedicato sono state, infine, somministrate anche 6 vaccinazioni anticovid.

Affluenza anche per le visite naturalistiche e monumentali a Villa Niscemi, Museo Pitrè, Palazzina Cinese a cura del Fai, delle Associazioni Guide Turistiche e de Le Vie dei Tesori.

Il Sindaco metropolitano Leoluca Orlando, presente durante l’intera mattinata ha così commentato “Si conferma l’amore dei palermitani per il Parco della Favorita e si conferma la collaborazione delle istituzioni che operano nella nostra realtà, con tutte le organizzazioni sportive, culturali, artistiche, che danno del parco l’immagine che è giusto che si dia, un parco bene comune, una straordinaria area protetta, un caso speciale che merita speciale amore da parte di tutti noi”, Nel corso della Manifestazione, inoltre, ha consegnato, presso il Campo Ostacoli, la Tessera Preziosa del Mosaico Palermo a un gruppo rappresentativo di volontari di Plastic Free Palermo, “Eccellenza di cittadinanza attiva” sottolineando che “Plastic Free rappresenta un’eccellenza di cittadinanza attiva, segno del grande cambiamento culturale della città – e che – La consegna della Tessera del Mosaico Prezioso Palermo esprime il riconoscimento dell’amore per Palermo“.

“Palermo è anche questa, una città che vive il suo Parco, una città che vive meglio – hanno commentato Marco Lampasona, Fabio Corsini e Nicola Tricomi, fondatori del Comitato La Domenica Favorita – una moltitudine di cittadini che rispetta le regole e che con impegno e dedizione offre il proprio contributo per costruire una città migliore. Lo dimostrano le migliaia di palermitani che ci hanno supportato con la loro partecipazione attiva. Abbiamo motivo di credere che il cambiamento dipenda da noi e siamo certi che il successo de la Domenica Favorita non può che essere il successo di un modello di città da lasciare ai nostri figli”.

Vi aspettiamo per i prossimi appuntamenti il 17 e 24 ottobre e il 7 novembre e vi ricordiamo che le attività si svolgeranno nell’intera area del Parco che verrà chiuso al traffico dalle 8,30 alle 14,30.

Tutte le informazioni e gli aggiornamenti sono consultabili sulle nostre pagine Social e sul nostro sito www.ladomenicafavorita.com

Si ringraziano i sostenitori istituzionali, Comune di Palermo e Città Metropolitana di Palermo e gli sponsor AMG Gas, Conca D’Oro e Riolo Autostore.

Continue Reading

Eventi

Garrubba, FREElance sulla strada, la mostra

Ivan Scinardo

Published

on

116 scatti, 30 anni di immagini, quattro continenti, un maestro. La riscoperta di un gigante del reportage fotografico del ventesimo secolo, Caio Mario Garrubba, in mostra a Palazzo Merulana a Roma, dal 9 ottobre fino al 28 novembre. “Caio Mario Garrubba / FREElance sulla strada” è un evento espositivo ideato e organizzato dall’Archivio storico Luce di Cinecittà, per riscrivere e rileggere una pagina della storia della Fotografia e restituire l’opera di uno dei maestri del reportage fotografico del ‘900.

Garrubba (1923-2015) attivo dagli anni ’50, è stato un irripetibile freelance della foto. Ha viaggiato per decenni tra Italia, paesi dell’est Europa, Unione Sovietica, Cina, le Americhe, e pubblicato per testate di tutto il mondo. Considerato da colleghi e critici un autentico maestro e un’ispirazione per il foto-giornalismo, nonché pioniere della ‘street photography’ internazionale, Garrubba viene proposto dall’esposizione romana come uno dei massimi valori della foto contemporanea internazionale. Un gigante che merita di essere inserito tra le principali pagine della storia di quest’arte. In 116 scatti, per la maggior parte inediti, la mostra segna la riscoperta felice di un occhio sul pianeta, che ha fatto scoprire a tanti appassionati nuovi mondi.

Curata da Emiliano Guidi e Stefano Mirabella, la mostra è inserita nel programma di Roma Fotografia 2021 FREEDOM, festival organizzato dall’associazione Roma Fotografia in collaborazione con Palazzo Merulana, Coopculture, Cinecittà, Stadio di Domiziano, Comitato Mura Latine, Bresciani Visual Art, con il sostegno della Regione Lazio, il patrocinio di Roma Capitale, promosso da Roma Culture.

Fonte: https://cinecitta.com/IT/it-it/news/45/9463/garrubba-freelance-sulla-strada.aspx

Continue Reading

In Tendenza