Connect with us

In Evidenza

Martorio, poesia sacra e struggente!

Ivan Scinardo

Published

on

Quando lo scenografo Fabrizio Lupo e il grande etnomusicologo Vito Parrinello, prematuramente  scomparso, si misero a scrivere “Martorio, parti di la simana santa”, poesia sacra di tradizione orale in frammenti di cunti, canti e immagini, avvalendosi della consulenza drammaturgica e di certosine ricerche di Rosa Mistretta, forse non avrebbero immaginato di consegnare alla storia delle tradizioni popolari siciliane e palermitane in particolare, una delle ricostruzioni in siciliano più straordinarie e belle della passione e morte di Gesù Cristo. E’ toccato agli eredi Parrinello, Elisa e Giovanni conservarla e riproporla ogni anno durante i tre giorni che vanno dal venerdi santo alla pasqua. La rappresentazione sacra si mescola ai testi e ai canti popolari siciliani del Pitrè e di Vigo attingendo all’immenso patrimonio sulla pasqua in Sicilia lasciato dall’antropologo Nino Buttitta e di Albero Favara, quest’ultimo considerato ancora oggi uno dei maggiori etnomusicologi che ha favorito, nei primi del novecento, un processo di registrazione della musica popolare, con lo scopo di tramandarla alle generazioni future. Favara girando per la Sicilia e ascoltando i vari canti eseguiti dalla gente comune nei paesi, provò a trascriverli aggiungendo lo spartito corrispondente a melodia e parole. L’insieme di tutti questi canti popolari siciliani costituisce oggi un libro intitolato proprio “Corpus Favara”.

Martorio, prodotto ormai da quasi vent’anni, dal teatro Ditirammu, ha certamente due punti di forza eccezionali, Filippo Luna, che fin dall’inizio lo mise in scena e che oggi lo rende ancora straordinariamente attuale, grazie ad una intensità recitativa e un pathos che solo un attore di razza come lui riesce a esprimere e Elisa Parrinello, artista straordinaria e poliedrica, capace in alcuni momenti di sdoppiarsi e assumere in modo identico le movenze della madre Rosa Mistretta. La scena all’interno della quale i due protagonisti si muovono, vede disposti i musicisti Rosalia Raffa al flicorno, Massimo Vella al clarinetto, Giacco Pojero Fisarmonica, e il giovanissimo Giacomo Scinardo alla chitarra,  è povera come il legno della croce di Cristo. Posati su uno sgabello, la troccola, la campanella e il campanaccio e un grande tamburo. Giovanni Parrinello, fa un cammeo con la maestria che gli appartiene al tamburello. I documenti sonori sono tratti dal repertorio dei canti degli orbi, ricercati e selezionati da folkstudio, da registrazioni e ricordi dell’immenso patrimonio familiare  di Rosa e Vito Parrinello, gli antichi lamenti, le melodie della banda con le sue marce funebri, emozionano e incantano il pubblico. Il finale è con la tradizionale scena: “a calata da tila” con il bellissimo arazzo realizzato da Fabrizio Lupo,  dove campeggia Cristo in croce.

 

In Evidenza

Il cavaliere sole di Franco Scaldati riscalda i cuori

Ivan Scinardo

Published

on

“Il teatro è una forma d’arte che obbliga l’uomo a vivere, incontrarsi e scontrarsi”. Questa frase emerge spesso negli scritti di Franco Scaldati, il drammaturgo palermitano, originario di Montelepre, il cui pensiero continua a essere oggetto di studio in ambito internazionale. Il teatro Biondo di Palermo, dove per lui tutto ebbe inizio, con la messa in scena di un testo di Luigi Capuana, gli dedica la prima nazionale de: “Il cavaliere sole”, opera che iniziò a scrivere nel 1976 assieme a: Il pozzo dei pazzi, Lucio e Manu mancusa. C’è un mondo underground che parla alla pancia di Palermo, in questa opera pensata prima della pandemia, durante una serie di incontri tra il costumista e scenografo Enzo Venezia e quell’eclettico artista, poliedrico che è Mario Incudine, ormai consacrato agli onori più grandi. È lui a firmare le musiche di questo spettacolo che ha definito una fiaba musicale. E a giudicare dall’affiatamento dei musicisti in scena, a cominciare dal suo inseparabile fisarmonicista, Antonio Vasta, al violoncellista dalla voce possente Salvatore Clemente, all’etnomusicologo e polistrumentista Michele Piccione, sembra davvero di vivere in un musical, ma non lo è.  Si muovono su una scena scarna, con piattaforme che scorrono lungo binari invisibili, con i loro strumenti creano atmosfere fantastiche, assist necessario per straordinari attori, vanto e orgoglio di questa città. La regista Cinzia Maccagnano, formatasi in quella straordinaria fucina dell’istituto nazionale del dramma antico di Siracusa, fondato da Giusto Monaco ha scelto con saggezza ruoli e personaggi, che incarnano il mondo dei reietti, degli emarginati, tanto cari a Scaldati. La presenza di Ezio Trapani che cura l’assistenza alla produzione, prima e alla fine dello spettacolo, fra il pubblico che esce soddisfatto, è il segnale che anche lui, considerato fra i saggi storici della cultura teatrale palermitana, ha saputo dare i giusti suggerimenti sul casting. E se c’è un plauso per la sua performance che arriva dopo un complicato periodo di malattia va al cavaliere sole, il padre dei cabarettisti palermitani, Gino Carista. Il ruolo sembra davvero cucito addosso, con la sua aria strampalata, tipica dei tanti nonnini che riempiono le nostre famiglie, con i loro vuoti di memoria ma assolutamente divertenti; e a proposito di cucito, Scaldati era di umili origini e per vivere lavorava nei sotterranei delle sartorie teatrali, a contatto con tutti i generi di artisti, che non ebbero dubbi nel chiamarlo proprio “il sarto”. Incudine sa incarnarlo magistralmente sulla scena, quando guida divertenti siparietti, con ago e filo nei panni di “Angiluzzo”. Ottima anche l’interpretazione a suo fianco di Serena Barone nel triplice ruolo di: Lucia, Delicata e della vecchia. L’altra presenza femminile sulla scena è Egle Mazzamuto. Tris d’assi con Paride Benassai (Settimo), Antonio Pandolfo (Bartolo) e Salvo Piparo (Giovanni). Vederli insieme è una goduria che investe tutti i sensi e fa rievocare ancestrali ricordi legati ai cunti popolari. Un merito va ache alla direttrice del Biondo, Pamela Villoresi, nell’avere fortemente voluto produrre questo spettacolo, in larga parte in dialetto palermitano, per qualcuno incomprensibile, per il racconto di proverbi frutto della saggezza popolare, che sono il cavallo di battaglia della carriera professionale dei tre attori.  “Il viaggio nel mondo di Scaldati è per me un sogno senza sonno, spiega la regista Cinzia Maccagnano, dove conduco, e sono condotta, in uno scambio continuo con la compagnia di attori palermitani che lo hanno conosciuto e vissuto. Il Cavaliere Sole è un testo che si può comprendere solo sulla scena, agito; parla dal profondo al profondo, è poetico e profetico. Il desiderio è quello di restituire una visione onirica, in cui le cose appaiono e scompaiono, come nei sogni, come nel teatro. Il quartiere popolare diventa allora un luogo mitico nel quale il racconto crea mondi in cui credere ed esistere: il racconto fa esistere tutto”. Oggi ultimo giorno di replica.

Continue Reading

Eventi

“Sciarpe rosse. Il dovere di cambiare”

Ivan Scinardo

Published

on

Si è tenuta stamattina nell’aula Magna “Vincenzo Li Donni” del Dipartimento di Scienze Economiche, dell’Università di Palermo, l’incontro “Sciarpe rosse. Il dovere di cambiare” organizzato, in collaborazione con la Polizia di Stato, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Dopo il saluto del Rettore dell’Università degli Studi di Palermo Massimo Midiri, ha preso la parola il Questore Leopoldo Laricchia, che ha voluto ricordare le tutele per le vittime ei procedimenti penali per chi abusa. Interessante l’intervento della Prorettrice all’Inclusione, Pari Opportunità e Politiche di Genere Beatrice Pasciuta, le ha fatto eco il professore Gioacchino Lavanco, Direttore del Dipartimento di psicologia, promotore dell’iniziativa. Ha concluso Licia Adalgisa Callari, docente di Letteratura Teatrale Italiana, organizzatrice dell’audiovisivo presentato in anteprima dal titolo: “Sciarpe rosse. Il dovere di cambiare”, realizzato dal Dipartimento SPPEFF-Scienze Psicologiche, Pedagogiche, dell’Esercizio Fisico e della Formazione, per la  regia di Ruben Monterosso. Al termine della manifestazione è stato inaugurato il murale “Di rose e d’amor fendente” opera dell’artista Daniela Balsamo. La Polizia di Stato ha partecipato con il camper con una équipe di operatori specializzati che hanno fornito informazioni alla comunità studentesca.

Continue Reading

Cinema

The Blue Planet, musica su immagini di G.Scinardo

Ivan Scinardo

Published

on

The Blue Planet

Short film inspired by The Blue Planet My entrance for Hans Zimmer Month Scoring Challenge #HansZimmerMonth #SpitfireAudio @Spitfire Audio @Hans Zimmer

Continue Reading

In Tendenza